La Motivazione

La Motivazione

allenamento-mentale

Il vostro corpo reagisce in maniera eccezionale alle variazioni degli stimoli. Ma le variazioni devono essere graduali e costanti. I risultati possono essere incredibili, ma ci vuole tempo. Percio’, prendetevi UN ANNO di tempo. “Ahi ahi ahi si parte male” direte, perche’ nella societa’ occidentale del “tutto subito” un anno e’ paragonabile ad una era geologica. Ma, E’ cosi’. Questo e’ il tempo entro cui si vedono i risultati. Piu’ siete fuori forma, piu’ siete secchi o obesi, piu’ il tempo necessario si dilata. In un anno CHIUNQUE abbia fatto le cose con criterio vede dei risultati. Anche in meno, ovvio, ma un annetto e’ quanto serve per condizionare il vostro organismo e rendere, se fate le cose per bene, i risultati permanenti.
Il tempo, come dice Bill Phillips, si crea. Se voi volete allenarvi quando vi fa comodo, quando c’e’ tempo… vi allenereste 5 volte l’anno. Certo, ci vuole una certa dose di volonta’, perche’ dovete dire “ora io mi prendo questo tempo”. E, incredibilmente, l’ambiente intorno a voi reagira’ cercando di ostacolarvi in maniera fortissima. Perche’ il cambiamento spaventa. Se voi riuscite a cambiare, mettete gli altri di fronte ai loro fallimenti. Se io non riesco a fare una certa cosa, e non ci riesce nessun’altro, allora fare quella cosa “E’ impossibile”. Ma se uno ci riesce, allora sono io che non ce la faccio.
L’ambiente, gli altri, reagiscono cercando di reprimere questo cambiamento. Difatti e’ noto che chiunque devii dalla normalita’ (intesa come “norma”, “media” e non certo come “comportamento corretto”!!! ) si espone. Percio’ l’ambiente reagira’ cercando di farvi smettere con un vero e proprio mobbing. Impegni che nascono proprio quando voi dovete allenarvi, commenti su quanto siete fissati e altre stronzate del genere.
Sarete in grado di mandare a fan culo tutto cio? Inutile partire se non ci sono le palle per andare avanti. Su questo voglio essere chiaro. Se pero’ persevererete, alla fine sara’ l’ambiente che si pieghera’ , questo e’ certo. Pero’ ci vuole tempo. A questo serve l’anno di approccio. Dovete essere in grado di piegare il contesto, di domarlo.
Mi incazzo pero’ come una bestia ferita quando le persone a cui di tutto cio’ non frega una mazza, dicono che sono un fissato. O che è un sacrificio, o che è “impossibile”. Perchè sono comportamenti incoerenti e io DETESTO le incoerenze. Pensare di attuare un cambiamento senza rinunciare a qualcosa è solo stupido e credere che sia possibile espone questi tizi alle cazzate stile “creme di Wanna Marchi”. Se permettete, questi, sì, sono comportamenti da fissati.No, da idioti.

Luca Del Signore – Personal Tranier FIF- Coni

2 risposte a La Motivazione

  1. Valentina scrive:

    Ci vuole tempo e tanto impegno!! Non si può avere tutto e subito, soprattutto se si tratta di cambiamenti fisici e quindi della nostra salute! Condivido pienamente il pensiero!!